Scegliere il proprio broker di CFD: 5 fattori da controllare

In questo articolo esploriamo i 5 fattori da controllare prima di scegliere un broker CFD.

Questo articolo prende spunto dal sito Il Trading Per Te, che offre una bellissima recensione su un broker CFD molto noto. Trovate la recensione qui: www.iltradingperte.com/2016/12/06/broker-online-cfd/

Partiamo.

1) Qualità degli eseguiti

Un buon broker CFD deve eseguire gli ordini immediatamente, senza ritardi.

2) Spread bassi

Gli spread devono essere bassi. Minori sono gli spread, minori sono i costi per i trader utenti.

3) Offerta di tante leve finanziarie

Un buon broker CFD deve essere capace di offrire varie leve finanziarie. Cosicché ogni utente può scegliere la leva che più si adatta alle proprie esigenze.

4) Prelievo senza commissioni

Niente commissioni nascoste sul prelievo dunque

5) Varietà di asset quotati

Infine, chiaramente maggiori sono gli asset quotati e offerti, meglio è per l’utente.

Trading sui CFD: attenzione alla leva finanziaria!

Il trading sui CFD fa sempre più successo in Italia e nel mondo.

Sebbene i CFD siano strumenti finanziari con indubbi vantaggi, vanno però usati con cautela.

Infatti, il rischio di andare incontro a perdite è altissimo se non si fa trading con ratio.

In particolare, i pericoli maggiori derivano dalla leva finanziaria. La leva finanziaria rappresenta una caratteristica intrinseca dei CFD.

I CFD sono infatti strumenti finanziari derivati a marginazione. Ovvero, per aprire una certa posizione, non devi versare tutto il controvalore dalle stessi. Bensì solo una piccola parte, il margine.

Ecco, tale margine dipende dalla leva. Più è alta la leva, più il margine richiesto è basso. E dunque più si potranno aprire posizioni con volumi elevati.

Ciò da un lato permette di moltiplicare i profitti. Ma attenzione: dall’altro fa moltiplicare le perdite!